No al matterello su Mattarella

Commenti disabilitati su No al matterello su Mattarella 5

Mattarella va difeso in quanto reale vittima delle indegne pressioni esterne alla Nazione Italiana alle quali non è riuscito a sottrarsi, preferendo un’opzione forte e controversa che non porterà di certo all’obiettivo tanto subdolamente imposto dal sistema di potere che attualmente comanda nel nostro Paese.
Peraltro questa scelta non è stata né strategica né intelligente dimostrando che gli stessi pupari europei non brillano certo in lungimiranza e buon senso. Imporre infatti, tramite il maggiore rappresentate del potere politico nazionale, soluzioni tanto aggressive e impopolari, che non possono che riportare il Popolo Italiano alle urne, rischia di spostare temporalmente in avanti gli equilibri e le condizioni politiche già in atto esistenti senza dunque alcuna certezza futura sulla possibilità di mantenere l’Italia inchiodata all’euro.
Ricreare cioè i presupposti per nuove elezioni non farà che costringere gli Italiani a presentare lo stesso “conto” dello scorso 4 marzo, se non ancor più pesante in senso “populistico”. Pertanto la vera “vittoria di Pirro” l’ha avuta Bruxelles dimostrando ancora una volta l’enorme ottusità di chi ne regge i fili.
Fra l’altro, mentre prima potevano esserci dei dubbi sull’interpretazione “complottistica” di certe chiavi di lettura diffuse sui social, oggi, con queste ridicole azioni di diffamazione mediatica, minacce di sfracelli, e ricatti politico-economici, le lobby e i poteri forti che tramano contro la nostra economia e la nostra Sovranità, SONO USCITI ALLO SCOPERTO. Oggi TUTTI sanno cosa c’è dietro la politica ufficiale del nostro disgraziato Paese, ostaggio ormai nelle mani altrui.
Mattarella quindi è una vittima sacrificale dell’ottusità di Bruxelles, non è pertanto giusto crocifiggerlo anche con una procedura di impeachment che appare tanto affrettata quanto inconcludente. Meglio sarebbe stato adottare questa tecnica contro il suo predecessore che ha violato costantemente la Costituzione Italiana imponendo al Popolo ben quattro suoi “personalissimi” governi, con altrettanti primi ministri non eletti, e perfino se stesso per oltre due anni oltre il limite costituzionale previsto per un Presidente della Repubblica. Ma nulla è stato fatto contro napolitano, quindi sarebbe più corretto non farlo con Mattarella al suo primo errore valutativo.

Sergio Figuccia

View all contributions by Sergio Figuccia

Website: http://blog.figuccia.com

Similar articles