Un nuovo gioco di carte: Caccia al Re di Cuori

0 241

Io non amo particolarmente giocare a carte, tuttavia vorrei proporre un nuovo gioco creato da un amico, l’artista palermitano Antonino G. Perricone che peraltro si è mostrato interessato alla divulgazione su internet del suo gioco e del relativo regolamento. Riporto quindi di seguito le principali regole e…buon divertimento.

Si gioca con un mazzo di carte francesi con l’esclusione del jolly.

Quattro giocatori al tavolo – due coppie avversarie.

Inizia la manche chi dei quattro giocatori alza la carta più alta (sequenza dal basso: 2-3-4-5-6-7-8-9-10-Jack-Regina-Re-Asso)

 
Distribuito il mazzo di carte da sinistra a destra ad esaurimento delle stesse (13 carte per giocatore) inizia la manche il giocatore che è in possesso del Re di Cuori.
Il possessore del Re di Cuori può tuttavia optare per due possibilità
a)      condurre il gioco
b)      passare la mano (al giocatore alla sinistra che, se a sua volta passa pure la mano, fa tornare la mano al Re, che deve giocare obbligatoriamente con una dichiarazione di 7 (sette) prese, dichiarando pure l’atout.
 
Opzione a):
i giocatori dispongono le tredici carte per semi e valori (cuori, quadri, fiori, picche). Il Re chiede al compagno di dichiarare le proprie carte enunciando semplicemente il numero per ciascun seme (numero carte cuori, numero carte quadri, numero carte fiori, numero carte picche)
 
Il Re valutando le proprie carte può fare una delle seguenti scelte (giocare con l’atout o senza – l’atout è un seme che prevale sugli altri). Se opta per la scelta dell’atout deve dichiarare il seme ai giocatori.
In entrambe le scelte il Re deve dichiarare il numero di prese che farà insieme al compagno [minimo sette (7), massimo tredici (13)]
 
I giocatori hanno l’obbligo (qualora in possesso delle carte adatte) di rispondere al seme giocato dal Re, in assenza si può smazzare.
 
Se il Re ed il suo compagno rispettano la dichiarazione iniziale acquisiscono il seguente punteggio: 20 punti per ogni presa di cuori, 10 punti per ogni presa di altro seme (es.: dichiarando 8 prese di cuori e fatte 8 prese di cuori si avrà il seguente punteggio 160+100 – dichiarando e realizzando 8 prese di fiori il punteggio sarà 80+100).
 
Se il Re ed il suo compagno non rispettano la dichiarazione iniziale possono aver acquisito più o meno delle prese dichiarate.
Se ne acquisiscono di più avranno solo il punteggio delle prese (sempre secondo la regola precedente relativa ai semi) e passando agli avversari (chiamati “la mano”) il punteggio delle prese eccedenti, (es.: dichiarate 8 prese a cuori e fattene 10: punti 160 al Re e 40 agli avversari), 
Se le prese fatte sono meno di quelle dichiarate alla mano passano le prese restanti più il premio di dichiarazione [es.: dichiarate 9 prese fattene 5, al Re vanno 100 punti (cuori), alla mano 160+100]
 
Se il Re viene preso dalla mano, la stessa si aggiudica 100 punti.
Onori:
Chi è in possesso delle seguenti combinazioni: tre Re o tre Regine o tre Jack o tre Assi dichiarate prima dell’inizio del gioco viene premiato con 100 punti se si tratta di onori di cuori o 50 punti per i rimanenti semi.
 
Onore Reale: Asso, Re, Regina, Jack di cuori in sequenza valgono 200 punti; la stessa sequenza con gli altri semi vale 100 punti.
Chi vince la manche, stabilito il valore dei punti, vince la differenza matematica
 
Vince la manche chi raggiunge 1.000 punti
Vince il gioco chi si aggiudica 2 manche su tre.
Sergio Figuccia

View all contributions by Sergio Figuccia

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.